Sistema Gioco Italia logo
Sistema Gioco Italia logo

NEWS

24 Luglio 2015

Giochi, Passamonti (Sistema Gioco Italia): Esclusione della filiera industriale da Osservatorio sul gap è occasione persa e sconfitta del dialogo

Comunicato Stampa
 

Giochi, Passamonti (Sistema Gioco Italia): Esclusione dei rappresentanti della filiera
industriale da Osservatorio sul gap è occasione persa e sconfitta del dialogo

Roma, 24 luglio 2015 – “La mancata inclusione dei rappresentanti della filiera industriale del gioco pubblico e legale nell’Osservatorio sul gap istituito presso il Ministero della Salute è un’occasione persa, una sconfitta per una prospettiva di dialogo e confronto tra tutti i protagonisti interessati. Un passo falso lungo quel percorso che deve condurre il settore del gioco legale al raggiungimento di quell’equilibrio virtuoso, da sempre e da più parti auspicato, tra tutela dei cittadini, ordine pubblico, salvaguardia delle entrate erariali e difesa della libertà di impresa. Ma questo obiettivo non potrà essere raggiunto fino a quando sarà negata l’opportunità di instaurare un dialogo franco e finalmente costruttivo tra tutti gli interlocutori interessati, senza alcuna discriminazione preventiva e con pari dignità, come avviene in altri Paesi dove la leale collaborazione tra le parti coinvolte è una consolidata tradizione democratica. Purtroppo è stata preferita una strada opposta, se non contradditoria. Del resto, infatti, gli stessi protagonisti a cui oggi sono state chiuse le porte del dialogo sono gli stessi con i quali lo Stato ha definito e definisce rapporti di concessione e gestione del gioco legale”.

E’ quanto dichiara Massimo Passamonti, Presidente di Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera dell’industria del gioco e dell’intrattenimento aderente a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, in merito all’istituzione dell’Osservatorio sul gioco patologico presso il Ministero della Salute.

9 Luglio 2015

Giochi: Lombardia, la legge anti-slot è un flop

Comunicato stampa


Giochi: Lombardia, la legge anti-slot è un flop

Meno awp e vlt (- 12,5%), ma aumenta il gioco patologico (+ 42,1%).
Mentre la raccolta di gioco resta la stessa e la domanda semplicemente
“migra”, anche dal gioco legale a quello illegale

Tutti i numeri dell’indagine condotta da As.Tro e Sistema Gioco Italia,
la Federazione di filiera dell’industria del gioco e dell’intrattenimento aderente a Confindustria

Pucci (As.Tro – Sistema Gioco Italia) a Beccalossi: Prendere atto del fallimento.
Disponibili a confronto per sintesi tra attività di impresa, tutela sociale e entrate erariali

 

Roma, 10 luglio 2015 - Doveva servire a ridurre il fenomeno del gioco d’azzardo patologico. Eppure i casi di GAP censiti dai servizi sanitari regionali in Lombardia sono aumentati. Avrebbe dovuto “scoraggiare” la domanda di gioco. Eppure la raccolta di gioco in Lombardia è rimasta sostanzialmente la stessa. Almeno nei punti legali, perché il rischio concreto è che sia addirittura aumentata, spostandosi dal gioco legale a quello illegale. Dal giorno del debutto delle legge n. 8 del 2013 - il provvedimento attraverso cui la Lombardia ha introdotto il cosiddetto “distanziometro metrico”,  con una distanza di 500 metri dai luoghi “sensibili” entro cui è impossibile l’installazione di apparecchi per il gioco legale – la norma che avrebbe dovuto porre un freno alla ludopatia, scoraggiando la domanda di gioco, sembra aver fallito i suoi principali obiettivi.

A dimostrarlo sono i dati e le cifre contenute nel report elaborato da As.Tro, l’Associazione Nazionale Gestori da Apparecchi da Intrattenimento, parte di Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera dell’industria del gioco e dell’intrattenimento aderente a Confindustria. E le cifre dicono che dopo l’introduzione del distanziometro i casi di GAP sono aumentati del 42,1%.

Una crescita a cui corrisponde, invece, una netta diminuzione del numero di macchine da intrattenimento presenti sul territorio regionale: rispetto al 2013, tra awp e videolottery il numero degli apparecchi da intrattenimento per il gioco legale nel 2014 è diminuito del 12,5%. Con una relativa diminuzione di quasi 1.300 tra esercizi e locali con awp e videolottery presenti sul territorio. E tuttavia, di fronte ad una consistente riduzione del parco macchine, la raccolta di gioco per awp e vlt nel 2014 in Lombardia è stata sostanzialmente stabile rispetto all’anno precedente, passando da 10,191 a 10,068 miliardi di euro.

Ecco dunque che di fronte a tali numeri, la diminuzione del parco macchine determinata dal cosiddetto distanziometro ha dimostrato – rispetto all’obiettivo dichiarato di contrasto al gioco patologico – tutta la sua inefficacia. Gli unici obiettivi finora raggiunti sono stati, purtroppo, la chiusura di 11 sale videolottery – equivalenti a circa 40 posizioni lavorative - e la riduzione degli introiti legati agli apparecchi da intrattenimento per 1.283 esercizi commerciali tra bar e tabaccherie.

E la domanda di gioco per le awp e videolottery da parte della cittadinanza? E’ semplicemente “migrata” dai locali costretti a chiudere, o da quelli privati dai congegni leciti, a quelli ancora aperti e dotati da apparecchi da intrattenimento.

La prima conclusione – ha dichiarato Massimiliano Pucci, Presidente di As.Tro e Vicepresidente di Sistema Gioco Italiaè che il distanziometro più che arma contro il gioco patologico si è dimostrato un vero e proprio moltiplicatore epidemiologico del GAP”. “Eppure – aggiunge Pucci con riferimento alle dichiarazioni rilasciate in merito dall’assessore Viviana Beccalossi - nonostante gli evidenti effetti controproducenti di questi provvedimento, l’assessore continua a difenderne la ratio, giustificando l’aumento dei casi accertati di gioco patologico nella possibilità offerta, a detta sua, dalla sola Lombardia di curare gratuitamente il GAP. Possibilità che, secondo l’assessore, avrebbe determinato una vera e propria migrazione da altre regioni verso le strutture lombarde. Di fronte a tali prese di posizione, non possiamo non ricordare all’assessore, anche se dovrebbe già esserne a conoscenza, che il GAP può essere trattato in strutture specialistiche , gratuitamente, e presenti in tutta Italia. Senza considerare che almeno altre cinque regioni sono da tempo storicamente all’avanguardia da questo punti di vista e da molto più tempo rispetto alla Lombardia. E sono il Veneto, la Liguria, l’Emilia Romagna, la Toscana, il Trentino Alto Adige”.  “In ogni caso – sottolinea il Presidente di As.Tro – tutte le prestazioni sanitarie rese a cittadini non residenti in una regione sono documentate e oggetto di compensazioni reciproche e di queste è facile cercare evidenza nel bilancio regionale lombardo. Anche se basta frequentare i Serd per verificare la residenza di ogni assistito”.

Alla luce dei dati emersi in relazione all’introduzione del distanziometro l’invito che As.Tro rinnova è quello di “considerare la possibilità tutt’altro peregrina che il Legislatore regionale abbia semplicemente sbagliato l’impianto della propria legge, adottando strumenti errati pur perseguendo una finalità nobile. L’auspicio è che si provveda ad un intervento legislativo davvero di qualità capace di tutelare la legalità, l’occupazione, l’erario e la tutela della salute. Tutte condizioni che il distanziometro lombardo non ha soddisfatto, poiché ha ridotto l’offerta ma non la domanda, ha espulso il gioco legale e fatto registrare un aumento dei casi critici a livello sanitario, evidentemente connessi a prodotti e servizi non rientranti nell’ambito del gioco lecito. Non è un caso, infatti, che tuto il gioco lecito, eccezion fatta per il Lotto, soffra dal 2012 di un calo della raccolta anche al di là del distanziometro a cui si lega però una vera e propria impennata del GAP”.

Il GAP – conclude Pucci – è un problema serio, sulle cui strategie preventive tutto il settore del gioco legale vuole dare il suo contributo ed essere coinvolto nelle iniziative di intervento, come accade in tutti i paesi civili, senza inutili tentativi di caccia alle streghe. Per tale obiettivo, As.Tro e Sistema Gioco Italia rinnovano la disponibilità a collaborare affinché in Italia e in Lombardia siano tutelati i cittadini e l’attività di impresa del gioco legale, unico vero argine nei confronti dell’illegalità e della criminalità organizzata, trovando quella sintesi necessaria tra garanzie per le entrate erariali, ordine pubblico e tutela sociale”.

 

 

ARCHIVIO

2016 Aprile Marzo Febbraio 2015 Novembre Ottobre Luglio Giugno Aprile Marzo Febbraio 2014 Dicembre Novembre Ottobre Settembre Agosto Luglio Giugno Maggio Aprile Marzo Febbraio Gennaio 2013 Dicembre Novembre Ottobre Settembre



Consenso all’utilizzo dei cookie al primo accesso al sito web Sistema Gioco Italia

Sistema Gioco Italia usa i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle un’eccellente esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Cliccando su accetta o chiudendo questo banner, lei acconsente all'utilizzo dei cookie.

ACCETTA X